Tutto ciò che devi sapere su Byte (Aka Vine 2.0)

Meet Byte, la nuova piattaforma social virale creata dal co-creatore di Vine, Dom Hofmann

Prima dei giorni di Facebook Live e molto prima di TikTok, c’era un’altra app, un’app che ispirava creatività, viralità e notorietà in 6 secondi. L’abbiamo chiamato “Vine”.

Insieme a due dei suoi colleghi, Dom Hofmann ha co-creato la famosissima piattaforma di condivisione di video in formato breve.

Vine è stata acquisita da Twitter per 30 milioni di dollari solo quattro t hs dopo la sua fondazione, ma questo ha spinto l’azienda a condannare la società prima ancora che la loro app fosse lanciata e Hofmann ha trascorso i due anni successivi a lottare con la direzione di Twitter prima di rassegnare le dimissioni per mettersi in proprio di nuovo. Per lo sgomento di milioni di fan, Vine è stato ufficialmente interrotto meno di due anni dopo.

Dopo aver lasciato Twitter / Vine, Hofmann ha fatto il suo giro in varie startup, lavorando a numerosi progetti prima di tornare finalmente al suo primo amore. Più di recente, ha trascorso la maggior parte degli ultimi due anni a lavorare in silenzio su un successore di Vine. Originariamente era previsto per la primavera 2019, ma è stato ritardato e respinto a tempo indeterminato. Alcuni dubitavano che sarebbe mai stato realizzato.

Ma venerdì 24 gennaio, Hofmann ha sorpreso il mondo con due parole. Ha twittato “byte’s out” con un link alla pagina di destinazione dell’app:

E proprio così, dopo anni di attesa, Byte era ufficialmente disponibile sia su iOS che su Android.

Quindi, ora che siamo tutti informati su come siamo arrivati ​​a oggi, ecco tutto ciò che devi sapere sul successore di Vine, Byte.

Innanzitutto, che cos’è B yte ?

Pochi minuti prima del tweet di Hofmann di venerdì pomeriggio, l’account Twitter ufficiale di Byte ha twittato il proprio annuncio:

In breve, Byte è un riavvio dell’app originale di Hofmann, Vine (Vine 2.0, si potrebbe dire), più un restyling e alcune nuove fantastiche funzionalità. In effetti, il nome originale del progetto era “V2” ma Hofmann alla fine scelse “Byte”. Secondo il tweet, Byte è “sia familiare che nuovo.” Riempie il buco che è stato lasciato nei nostri cuori dal giorno della chiusura senza cerimonie di Vine.

Per quanto riguarda una risposta leggermente più tecnica a “What is Byte?” – Byte è una piattaforma sociale di condivisione video in forma abbreviata. Essendo dello stesso creatore di Vine, sembra familiare. Puoi caricare e condividere video dal rullino fotografico oppure puoi riprenderli utilizzando la funzione fotocamera incorporata nell’app, quest’ultima opzione che offre un’esperienza Byte più completa.

“Byte”: suona familiare

Il nome “Byte” richiama una certa immagine simile ma non deve essere confuso con ByteDance, il nome dell’azienda cinese dietro l’attuale leader nei video in forma breve, TikTok.

Sono passati esattamente 7 anni

Il 24 gennaio è una scelta interessante per lanciare questa nuova app. Ed è una data familiare per Hofmann perché Vine è stato lanciato il 24 gennaio 2013, esattamente 7 anni prima.

“Ci auguriamo che risuonerà con le persone che sentono che manca qualcosa.” – Byte

Ora, per rispondere alle tue domande scottanti.

Posso guadagnare con Byte?

La risposta breve: sì – in futuro – ma non ancora.

In un’intervista con TechCrunch, Hofmann ha dichiarato che Byte lancerà un programma per partner di condivisione delle entrate in modo che i creatori possano essere pagati per il loro lavoro una volta che l’app introduce la pubblicità. “Stiamo esaminando tutti questi aspetti, ma inizieremo con una quota di compartecipazione alle entrate + integrazione con i nostri fondi. Avremo presto maggiori dettagli su come funzionerà esattamente il programma pilota. “

E in una serie di tweet dall’account Twitter ufficiale di Byte, la società afferma: “byte celebra la creatività e la comunità e compensare i creatori è un modo importante per supportarli entrambi”.

Posso fare pubblicità su Byte?

Di nuovo, la risposta breve: sì, ma non ancora.

Come accennato nell’intervista a TechCrunch, Byte sta lavorando allo sviluppo di un programma pubblicitario per la piattaforma per mettere in contatto gli inserzionisti con i creatori, ma la prima priorità è portare l’app nel mondo, sul tuo telefono e nelle mani dei creatori che ne determinerà l’effetto di rete.

È probabile che le opzioni per gli inserzionisti arriveranno presto, ma nel frattempo, perché non dai un’occhiata al lato creativo della piattaforma e provi a creare contenuti? Chissà, su questa nuova piattaforma – dove non ci sono grandi giocatori già affermati – potresti essere sulla corsia preferenziale verso la celebrità.

In che modo Byte avrà successo dove Vine ha fallito?

Sebbene nessuno conosca l’intera ragione dietro l’eventuale scomparsa di Vine, ci sono molte speculazioni. In mezzo a questa speculazione, ci sono alcuni potenziali motivi che spiccano: redditività, mancanza di nuove funzionalità e futuro incerto di Twitter.

<”Profitabilità

Nonostante la sua diffusa adozione, l’intensa viralità e una base di fan entusiasta, Vine non è mai stato in grado di trovare la sua strada verso la redditività.

Mancanza di nuove funzioni

Come affermato da The Verge in un articolo del 2016, “sebbene Vine vantava una volta un vantaggio imponente su altre app di video social, non è riuscito a tenere il passo con l’aggiunta di funzionalità da parte dei concorrenti, cosa che alla fine ha allontanato le sue più grandi star”.

Il futuro incerto di Twitter

Nel 2016, in un anno difficile per Twitter che metteva in discussione il proprio futuro, si sono dovute prendere decisioni difficili su quali programmi avrebbero continuato ad andare avanti. Alla fine, Twitter non è riuscito a capire dove mettere questa app enormemente popolare ma ad alta intensità di risorse e non redditizia. Quindi l’hanno chiusa.

Ma la storia sarà diversa per Byte. Per cominciare, hanno già dichiarato la loro intenzione di sviluppare un programma pubblicitario, che genererà entrate. Oltre a ciò, lanceranno un programma partner, attraverso il quale i creatori di contenuti saranno ricompensati, incentivando le loro star a rimanere. E stanno lanciando come azienda indipendente, piuttosto che come parte di una società madre più grande.

Soprattutto, Byte può imparare dai successi e dai fallimenti di Vine. Senza dubbio useranno il passato per guidare la loro roadmap per il futuro.

Che dire di TikTok?

Nessuna conversazione sui video in forma abbreviata in questi giorni è completa senza menzionare TikTok. Quindi, naturalmente, le persone chiederanno: “Perché dovremmo usare Byte quando abbiamo TikTok?”

Due parole: sicurezza nazionale.

ICYMI , TikTok è di proprietà di ByteDance, un’azienda di media online di proprietà cinese. Detto questo, ogni persona che utilizza TikTok offre effettivamente quantità infinite di riconoscimento facciale e dati sulla posizione al governo cinese. Questa è una delle ragioni principali per cui il suo utilizzo è stato vietato tra il personale militare statunitense.

Sebbene ByteDance abbia affermato che i dati di TikTok non sono soggetti alla legge cinese, la realtà è che sono di proprietà di una società i cui dati sono soggetti a tali leggi. Negli Stati Uniti, abbiamo visto aziende tecnologiche respingere le richieste del governo di dati degli utenti, ma in Cina non è una richiesta: è un comando . E se vogliono davvero quei dati, non c’è modo di impedire loro di ottenerli.

The Verge ha recentemente condiviso alcune informazioni anche su questo: “Un’ultima crescente minaccia per TikTok è ciò che potreste chiamare rischio narrativo – o la probabilità che la società non sarà in grado di superare la mutevole opinione pubblica riguardo a proprietà cinesi app in America “.

Quindi, in altre parole, Byte è come TikTok, ma senza la gigantesca minaccia alla sicurezza nazionale.

Sicurezza nazionale a parte, sebbene condividano alcune somiglianze, le due piattaforme offrono decisamente appelli diversi. Un commentatore sui forum della comunità Byte traccia un confronto di prima mano tra i due:

“Secondo me, byte e TikTok sono due cose diverse. Byte sarà come Vine con video che hanno un’elevata energia di Vine dal passato perché quando l’app verrà rilasciata, la parola prenderà piede, le persone saranno curiose e vedranno byte come UN’ALTRA piattaforma di social media come le altre e si installeranno lì. Molti ex Viner promuoveranno byte e lo controlleranno perché chi non lo farebbe. Sebbene TikTok abbia alcuni video energetici di Vine, è tutto principalmente relativo alla musica. “

Considerazioni finali

Byte possiede un pedigree che altre app non hanno: il suo creatore, Dom Hofmann. L’ha già fatto una volta ed è stato spazzato via prima ancora che potesse iniziare. Indubbiamente dovrà affrontare delle sfide (ad esempio, spamming nei commenti), ma data la mutevole visione del pubblico sul suo più grande concorrente diretto, TikTok, gennaio 2020 sembra essere il momento perfetto per il lancio.

Nel complesso, è un’opportunità entusiasmante per creatori di contenuti, imprenditori, operatori di marketing e inserzionisti. Byte va alle gare e io, per esempio, sono curioso di vedere dove va. E per coloro che non hanno superato la fine di Vine, sembrerà finalmente di tornare a casa.