“Sydney to the Max” Star Ava Kolker: ” Cerco di far sorridere qualcuno ogni giorno e incoraggio tutti a pensare in questo modo”

Se potessimo essere tutti gentili gli uni con gli altri, gentili con gli animali, gentili con le persone che sono diverse da noi, sarebbe un mondo così meraviglioso e premuroso e pacifico. Cerco di far sorridere qualcuno ogni giorno e incoraggio tutti a pensare in questo modo.

I ho avuto il piacere di intervistare Ava Kolker. Ava interpreta Olive, la migliore amica e partner criminale un po ‘irrazionale ma di grande sostegno di Sydney Reynold, nella commedia multigenerazionale di Disney Channel “Sydney to the Max”. Olive ha quattro fratelli, quindi passare del tempo a casa di Sydney è un gradito sollievo dagli imbrogli che sopporta a casa. Kolker è meglio conosciuta per il suo ruolo ricorrente come guest star nei panni della precoce vicina di casa Ava Morgenstern, in tutte e tre le stagioni della serie nominata agli Emmy di Disney Channel “Girl Meets World”. Kolker ha vinto il Young Entertainer Award per il suo ruolo nello show. Nata il 5 dicembre 2006, Kolker ha ottenuto la sua prima occasione all’età di quattro anni in “American Horror Story”. I suoi crediti televisivi aggiuntivi includono “black-ish”, “Agents of S.H.I.E.L.D.”, “White Famous”, “Late Night Snack di Rachel Dratch”, “Sam & amp; Cat “e il film TV” Sister Cities “. I suoi crediti cinematografici includono “Insidious: The Last Key”, “The Trials of Cate McCall” insieme a Kate Beckinsale, “Scary Movie 5”, “Message from the King”, “The Axe Murders of Villisca” e “Miss Meadows”. Presta anche la sua voce nei prossimi film d’animazione “Peter Pan, Land of Forever” e “Red Shoes & amp; i 7 Nani. ” Più recentemente Ava ha pubblicato il suo primo singolo “The Good ones” per iniziare la sua carriera musicale, di cui è molto entusiasta. Nel tempo libero, Kolker ama stare all’aria aperta e si diverte a giocare a tennis, fare escursioni, nuotare e andare in spiaggia. Nata in California, attualmente risiede a Los Angeles con la sua famiglia.

Grazie mille per aver fatto questo con noi! Puoi raccontarci la storia di come sei cresciuto?

S ure, sono cresciuto con la mia famiglia e i miei animali domestici nella San Fernando Valley facendo musical, giocando a calcio e andando a scuola. Ho iniziato a recitare quando avevo 4 anni, quindi le mie giornate consistevano anche nell’andare alle audizioni e imparare molte battute.

Puoi condividere con noi una storia su cosa ti ha portato a questo specifico percorso di carriera?

Ho voluto essere un attore da quando ricordo. Abbiamo home video di quando avevo 2 anni che dicevano “quando sarò grande, voglio essere una star del cinema”. I miei genitori stavano scoppiando, ma io continuavo a parlarne, quindi quando abbiamo incontrato Gary Churchwell, un talent manager, abbiamo deciso di provarci. Ho prenotato il mio primo lavoro su American Horror Story a 4 anni e il resto è storia.

Puoi raccontarci la storia più interessante che ti è capitata da quando hai iniziato la tua carriera?

Hmmm. È difficile. Direi che quando ho fatto l’audizione per Girl Meets World, avevo 6 anni. Mi hanno riportato indietro così tante volte e ogni volta mi hanno fatto leggere per ruoli diversi. Poi, ho incontrato Michael Jacobs e gli sceneggiatori e lui mi ha detto, “beh, non so ancora cosa faremo con te, ma sarai sicuramente nello show”. Ricordo che ero così eccitato che ho urlato e sono corso attraverso la stanza, gli sono saltato in grembo e gli ho dato un abbraccio enorme. È stato sicuramente uno dei miei momenti più emozionanti.

Puoi condividere una storia sull’errore più divertente che hai commesso quando hai iniziato la tua carriera? Puoi dirci quale lezione hai imparato da questo?

Sì, anche in Girl incontra il mondo, è stato il mio primo spettacolo dal vivo del pubblico. Sono dovuto salire sul palco e cantare “Guardami, sono Ava Morgenstern” con tanti bigiotteria addosso. L’avevo provato così tante volte ed ero pronto, ma sono arrivato da dietro la porta e ho guardato il pubblico e sono rimasto completamente bloccato. Ho dimenticato la canzone, le parole, tutto. Michael Jacobs è stato così gentile e ha detto che proviamo di nuovo, quindi sono tornato dietro la porta e ho provato di nuovo. È tornato fuori e si è bloccato di nuovo. Ho solo dimenticato tutto. Ero inorridito e imbarazzato e ho iniziato a piangere. Michael mi prese tra le sue braccia e me lo chiese. Chi è il tuo migliore amico sul set? Ho detto Auggie? Ha detto di no, il pubblico lo è. Ti amano e saranno sempre i tuoi migliori amici, e va bene essere umani e commettere errori. Anche Danielle Fishel mi ha aiutato quel giorno e mi ha detto di riprovare e sarà fantastico. Ha detto “tutti commettiamo errori e va tutto bene”. Quindi ho provato una terza volta, ho guardato il pubblico in un modo diverso e l’ho capito. Ero così entusiasta e ho imparato che va bene commettere errori, ma devi continuare a provare finché non ci riesci.

Quali sono alcuni dei progetti più interessanti o entusiasmanti a cui stai lavorando adesso?

Bene, sto lavorando duramente alla seconda stagione di Sydney to the Max e questo mi terrà impegnato fino a febbraio. Ho anche appena registrato la mia seconda canzone e sarò pronto a pubblicarla nei prossimi due mesi, così entusiasta anche di questo. Infine, c’è qualcos’altro che non posso ancora annunciare, ma sarà qualcosa di nuovo per me e non vedo l’ora di condividerlo con tutti.

Siamo molto interessati alla diversità nel settore dell’intrattenimento. Puoi condividere tre ragioni con i nostri lettori sul motivo per cui ritieni sia importante che la diversità sia rappresentata nel cinema e in televisione? Come può influire potenzialmente sulla nostra cultura?

Penso che sia così importante avere diversità per mostrare come tutti noi abbiamo i nostri talenti e punti di forza e che possiamo tutti imparare gli uni dagli altri e dalle diverse culture e background da cui proveniamo. Penso che guidare con la diversità mostri alle persone di essere più accoglienti, amorevoli e inclusive, e questo è molto importante per un mondo più pacifico.

Cosa ami di più del lavoro in televisione?

Mi piace lavorare con le stesse persone ogni settimana e gli stessi scrittori che conoscono i tuoi punti di forza e scrivono ottimo materiale per evidenziare ciò in cui sei meglio. Mi piace anche entrare a casa di qualcuno ogni settimana e portarlo via dalle loro preoccupazioni per un po ‘. È una routine così divertente ed è più a lungo termine dei film e non voglio che finisca.

Se potessi lavorare con un altro attore televisivo con cui non hai mai lavorato prima, chi sceglieresti e perché?

Mi piacerebbe lavorare con Lady Gaga. È assolutamente incredibile.

Quali sono le tue “5 cose che vorrei che qualcuno mi dicesse quando ho iniziato” e perché. Per favore condividi una storia o un esempio per ciascuno.

5 cose che vorrei che qualcuno mi dicesse quando ho iniziato:

1) Ci saranno lunghi periodi di fallimento. Immagino di aver pensato che una volta ottenuto un buon ruolo e fatto un buon lavoro, avresti continuato a lavorare e passare al progetto successivo. Non è sempre così e possono esserci lunghi periodi di rifiuto prima del prossimo progetto. A volte questo può creare confusione nella tua mente e ti chiedi se “l’hai perso”, quindi è importante sapere che fa parte del viaggio e che ogni attore avrà periodi di tempo in cui non succede nulla.

2) Sii ottimista. Non importa quanti “no” di fila ottieni, resta ottimista ed entusiasta. Ci sono stati un paio di volte nella mia carriera in cui non ho prenotato nulla per un anno ed è importante rimanere ottimisti ed entusiasti ogni giorno.

3) Ti manca un ruolo perché la tua carriera e la tua vita cambino: ora mi rendo conto che puoi fare molti piccoli ruoli, ma questi ti preparano per il tuo ruolo importante. Ho fatto alcuni film e molti ruoli da guest star, ma mi sento come se tutti questi mi avessero preparato per il mio ruolo regolare nella serie in Sydney to the Max. Mi ci sono voluti 8 anni per ottenere quel ruolo che cambia la vita.

4) Fidati del processo. Quando non ottieni un ruolo per il quale pensi di essere perfetto e sai di aver fatto del tuo meglio all’audizione, devi solo fidarti del processo. Ricordo di aver fatto un’audizione per essere la migliore amica della mia amica Scarlet Spencer su Cousins ​​per la vita. Sono andato dai produttori ed ero così eccitato perché sapevo di aver centrato l’audizione. Poi siamo andati a cena fuori e abbiamo parlato di quanto sarebbe stato divertente lavorare insieme. Quando non l’ho capito, ho pianto ed ero davvero triste. Ma un paio di mesi dopo, arrivò Sydney to the Max e quello era un posto così migliore per me, così ora posso guardare il quadro più grande e sapere che se non ottieni qualcosa, qualcosa di meglio sta arrivando presto .

5) È una vita di apprendimento. Mi rendo conto ora che devo costantemente migliorare e lavorare su altri set di abilità per rendermi diverso. Lavoro sul canto, la danza, le arti marziali e tutto ciò che può aiutare a darmi un po ‘di vantaggio. È un’attività molto competitiva, quindi cerca sempre di renderti un po ‘diverso dagli altri.

Quali suggerimenti consiglieresti agli aspiranti attori del tuo settore per aiutarli a crescere?

Consiglierei di lavorare sulle loro capacità, fare rete il più possibile, essere sempre preparati, presentarsi in tempo e inchiodare ogni audizione. Migliora sempre. Il successo arriva quando la preparazione incontra le opportunità che i miei genitori mi hanno sempre detto. Uno di questi giorni, sarai esattamente quello che stanno cercando.

Sei una persona di enorme influenza. Se potessi ispirare un movimento che porterebbe la maggior parte del bene al maggior numero di persone, quale sarebbe? Non sai mai cosa può innescare la tua idea. 🙂

Aww grazie. Direi di diffondere gentilezza. Se potessimo essere tutti gentili gli uni con gli altri, gentili con gli animali, gentili con le persone che sono diverse da noi, sarebbe un mondo così meraviglioso e premuroso e pacifico. Cerco di far sorridere qualcuno ogni giorno e incoraggio tutti a pensare in questo modo.

Puoi darci la tua “citazione della lezione di vita” preferita? Puoi condividere in che modo questo è stato rilevante per te nella tua vita?

Vivo dicendo “lavora duro, resta umile”.

Come possono i nostri lettori seguirti sui social media?

Mi possono trovare su Instagram a @avakolker, su Twitter a @realavakolker e su YouTube ad Ava Kolker

Questo è stato molto significativo, grazie mille!