L’orrore … L’umorismo … di Graham Masterton – dall’archivio di The Scrawl

Uno degli scrittori horror più prolifici e laboriosi della Gran Bretagna parla con Remy Dean di sesso, omicidio, oltrepassare il limite e non indossare cappelli in casa …

Se dai un’occhiata a una bibliografia in linea di Graham Masterton, sarai contento della tua rotellina di scorrimento! Le liste continuano all’infinito… e la maggior parte sono incomplete, soprattutto perché nessuno riesce a tenere il passo con la sua produzione, che sembra mediamente circa quattro romanzi all’anno.

Se parli con un fan di Masterton (mi considero un membro di questo culto) canteranno le sue lodi e ti convinceranno che è davvero “l’erede vivente del regno di Edgar Allen Poe” – come affermato sul retro di numerose copertine di libri – uno scrittore di immaginazione oscura che rivaleggia, forse supera, i grandi nomi come Stephen King e Clive Barker. Parla con uno dei suoi detrattori (come con la maggior parte degli scrittori horror, ne ha molti) e non riusciranno a convincerti che le sue storie provengono da un’immaginazione malata e distorta e sono letture adatte solo per coloro che hanno menti malate. O forse parlerai a un lettore delle sue travolgenti saghe storiche, che racconterà come non hanno potuto mettere giù il suo fermaporta del romanzo, come sono stati trasportati in una ri-narrazione ben studiata e convincente di alcuni ambienti storici e mentalità . O forse un lettore che ama essere immerso nei suoi thriller politici perspicaci e spesso profetici …

In generale, Masterton divide i lettori in tre categorie: quelli che amano i suoi libri, quelli che li odiano e quelli che non hanno mai sentito parlare di lui … È riuscito a mantenere lo status di scrittore “cult”, sebbene il suo primo romanzo, Il Manitou , sia stato pubblicato quasi quarant’anni fa, ha vinto premi letterari, ha collaborato con William S Boroughs, presente nelle liste dei best seller, è stato adattato per la televisione e il cinema … e non mostra segni di rallentamento!

A seconda del giorno in cui me lo chiedi, potrei citare Graham Masterton come il mio autore preferito, no per la chiarezza e l’eleganza della prosa, per quella vado da Bukowski, non per la sua profonda e divertente inventiva filosofica, per quella vado da Richard Miller, non per la sua potente e sconcertante onestà, per quella vado da Lydia Lunch … ma per un buona lettura rollicking, vado per Graham!

In un recente twitter conversazione con @GrahamMasterton, ha affermato che Descendant era uno dei suoi preferiti personali dal suo catalogo precedente. Anch’io mi è piaciuto molto e alla notizia che un altro dei suoi libri è stato appena opzionato per il film, lo stava suggerendo come candidato ideale per il trattamento cinematografico … La sua scrittura di solito è così cinematografica, è sorprendente che molti dei suoi libri non sono stati trasformati in film per il grande schermo.

“Dieci dei miei libri sono stati opzionati nel corso degli anni per lungometraggi, tra cui Trauma , che è stato opzionato da Jonathan Mostow, e Family Portrait , che è stato opzionato da Cerchio d’oro. Ogni volta che qualche problema dell’ultimo minuto ha portato i progetti a cadere nel dimenticatoio, di solito finanziari. Quasi tutti gli scrittori ti diranno di aver avuto la stessa esperienza. Il defunto Tony Scott ha acquistato tre dei miei racconti per la sua serie TV Hunger , il miglior adattamento della quale era The Secret Shih-Tan , una storia di cannibali cinesi con Jason Scott Lee . Gli altri due erano Anais , sul disegno di una donna sexy che prende vita, e Suite nuziale , su una coppia in luna di miele che ottiene più di quanto si aspettasse in un New England pensione.

“Walkers è stato scelto da Jules Stewart, la madre di Kristen Stewart della serie Twilight . È attualmente in fase di sviluppo con la sua Libertine Films a Los Angeles, con il nuovo titolo di The Oaks . Tutto quello che posso fare è incrociare le dita e sperare che riceva il via libera. “

Anche idealmente filmico è stato uno dei primi Mastertons che ho letto, I diavoli del D-Day , una storia di guerra fantastica e in rapido movimento che da allora ho spinto su diversi amici … Con un tale enorme catalogo arretrato, Graham ha qualche consiglio per chi non ha letto nulla di Mastertonian? Da dove potrebbero iniziare?

“Penso che The Manitou sia probabilmente un buon punto di partenza”, risponde con poca esitazione, “perché quello è stato il romanzo che ha dato il via alla mia carriera di scrittore horror. Dopodiché probabilmente consiglierei alcuni dei romanzi che ho scritto negli anni ’80 come Family Portrait e Mirror e The Pariah . Quando i nuovi lettori li avranno digeriti, penso che conosceranno abbastanza bene il modo in cui scrivo e le direzioni in cui mi piace andare vagando “.

The Manitou era un romanzo estremamente originale e influente per il genere horror, con pochissimi precedenti al momento della pubblicazione, è stato seguito da quattro sequel fino ad oggi. Nella serie di storie Manitou , il protagonista, Harry Erskine – che era interpretato da Tony Curtis nella versione cinematografica del 1978 – è descritto nei libri come un po ‘come Elliot Gould … quindi chi sarebbe stato scelto quel ruolo adesso?

“Penso che Tony Curtis fosse perfetto per il ruolo, perché lo ha interpretato in modo assolutamente diretto, così come il resto del cast. Non conosco abbastanza i giovani attori maschi di oggi per essere in grado di dare un suggerimento per un remake. “

Quanto del vero Masterton c’è a Erskine?

“Oh, un bel po ‘, il vero Masterton ha difficoltà a prendere le cose troppo sul serio e legge anche cartoline di predizione del futuro, anche se lo faccio gratuitamente per donne giovani e carine, piuttosto che per vecchie signore ricche per soldi.”

/ p>

Sembra abbastanza felice da essere etichettato come scrittore horror ed è rispettato come tale, avendo ricevuto alcuni prestigiosi premi di genere, come un Edgar speciale per Charnel House , un premio Bram Stoker per racconti brevi, il Prix Julia Verlanger per Ritratto di famiglia. Recentemente ha avuto una panchina del parco a lui dedicata a Cracovia, dove puoi sederti e ascoltare un estratto di Bassilisk sul tuo dispositivo mobile … ma avendo scritto una tale varietà di generi, compresi quelli non -fiction e sex-guide, c’è un’etichetta che ritiene più adatta?

“Se mi etichettassi come qualcosa, probabilmente sarebbe” giornalista “. Sono stato addestrato come giornalista di giornali e editore di riviste: ho sempre scritto per intrattenere e coinvolgere i miei lettori piuttosto che cercare di fare punti personali o esplorare la mia psiche. Per me scrivere è il mio lavoro. “

Indossa cappelli diversi per generi diversi? (Lo intendo metaforicamente, ovviamente, ma in privato spero che indossi davvero una varietà di cappelli quando scrive!)

“Ovviamente c’è una differenza tra il modo in cui scrivo una guida sessuale e il modo in cui scrivo un romanzo dell’orrore, ma quando scrivo narrativa il genere non è importante. Ciò che è importante è rendere credibili i personaggi e le ambientazioni e dare ai lettori la sensazione di partecipare alla storia piuttosto che limitarsi a leggerla. Anche con una guida sessuale cerco di essere coinvolgente e di far entrare i lettori in empatia con le esperienze delle persone di cui scrivo e di immaginare se stessi in alcuni degli scenari sessuali che consiglio. “

C’è, mi chiedo, un suo lavoro preferito che significa molto per lui a un certo livello o di cui è particolarmente orgoglioso?

“Sono rimasto molto soddisfatto del modo in cui è uscito Trauma (noto anche come Bonnie Winter ). Inizialmente avevo intenzione di scriverlo con il nom-de-plume di una donna, ma quando l’ho mostrato al mio agente mi ha convinto a pubblicarlo a mio nome. Racconta la storia di una donna delle pulizie della scena del crimine che viene gradualmente portata al punto di un esaurimento nervoso a causa degli orrori del suo lavoro e del suo matrimonio senza uscita, e sento che in questo romanzo sono riuscito ad avvicinarmi alla comprensione della donna. pensando di qualsiasi altro romanzo che avevo scritto prima. “

Il collega scrittore di horror brit, Ramsey Campbell, racconta come spesso le persone si avvicinano a lui e, sapendo che è uno scrittore horror, dirà: “Non mi piace il tipo di libri che scrivi”, a cui risponde con le domande “Oh, quali hai letto e non ti sono piaciute?” A cui rispondono: “Non ho letto nessuno di loro …” Clive Barker è accusato di essere in combutta con Satana … Graham deve anche essere abituato a gestire risposte negative a causa dei preconcetti delle persone?

“I miei romanzi gialli White Bones e Broken Angels , che hanno avuto molto successo come libri Kindle, ha suscitato alcune reazioni ostili, principalmente perché ho scritto di omicidi in modo molto grafico. Ma, dopo tutto, gli omicidi sono orribili e non vedo alcun motivo nel fingere il contrario. Il vero omicidio non è come un romanzo di Agatha Christie, in cui il vescovo viene colpito in testa in bagno con un tasso. Mi ha divertito il fatto che la maggior parte dei lettori che si sono lamentati abbia scritto “grafico” con una doppia “f” – “graffic”.

“Non ho mai letto recensioni in questi giorni, perché so dalla mia esperienza sulle riviste che solo una piccola percentuale di lettori si lamenta mai, e quindi non sono in alcun modo rappresentativi dei lettori in generale. Tutto ciò che conta è quanti libri vengono venduti … se sono tanti, allora ovviamente hai dei clienti felici e soddisfatti. “

I suoi libri hanno spesso un livello di crudeltà e “cattiveria”, ma i personaggi e le storie sono anche molto divertenti e spesso mi ritrovo a ridacchiare al dialogo e alle situazioni ridicole in cui possono trovarsi – a me sembra l’orrore equilibrato con l’umorismo. È una decisione deliberata?

“È deliberato in quanto so che le persone spesso reagiscono a situazioni disperate o addirittura raccapriccianti con umorismo. È il nostro meccanismo di difesa contro l’indicibile. Pensa ai “Tommies” della prima guerra mondiale che producevano riviste umoristiche come The Wipers Times e scherzavano sulla morte e sulle condizioni orribili nelle trincee “.

… il clistere di gatto e filo spinato di The Sleepless , o la famiglia assassinata crudelmente all’inizio di Black Angel – entrambi i libri mi sono davvero piaciuti, tra l’altro , in particolare il secondo, ma Graham pensa mai di aver “tagliato il traguardo”?

“Ho occasionalmente ‘oltrepassato il limite’, come lo chiami tu, apposta. Ho scritto diversi racconti che fin dall’inizio avevano lo scopo di testare i limiti stessi dell’accettabilità, come il famigerato Eric The Pie , che ha portato al bando, da parte di WH Smith, della rivista horror Frighteners , di cui rimpiango ancora, dato che era un’ottima rivista horror. Poi c’era Sepsi , che era un libro di Danza del cimitero , e più recentemente Beholder , su una bambina che crede che sua madre la tenga imprigionata in casa perché troppo bella per uscire. Apparirà nella mia nuova raccolta di racconti Figures of Fear a ottobre. “

Cosa pensa che i suoi lettori apprezzino nei libri, cosa li spinge a tornare?

“Spero che quando leggono i miei libri si sentano coinvolti nei personaggi e si identifichino con le loro vite e i loro problemi. Tutti i miei personaggi sono persone piuttosto normali, non supereroi o cavalieri del regno, e spesso hanno difficoltà a prescindere dai mali che devono affrontare, come difficoltà commerciali o un matrimonio fallito o dolore. Mi sforzo molto di rendermi invisibile al lettore per creare quell’effetto “cinematografico” di cui hai parlato. Questo non è così facile come potrebbe sembrare, perché richiede una scelta molto precisa delle parole e la capacità di comunicare gli elementi essenziali della trama senza sembrare una conferenza. Il defunto William Burroughs e io abbiamo passato molte ore a discutere su come diventare quello che lui chiamava “El Hombre Invisible”. Cerco di evocare suoni, odori e sensazioni nei miei romanzi per farli sembrare reali, e il più grande complimento che mi sia mai stato fatto è stato da una donna che stava leggendo il mio romanzo poliziesco irlandese White Bones e ha detto ha dovuto continuare a guardare in alto dal libro per rassicurarsi che non si trovava effettivamente in Irlanda. “

Graham scrive professionalmente da circa cinquant’anni, cosa lo spinge ancora a scrivere?

“Mi dà la possibilità di dire a tutti gli altri cosa fare. E a volte è una buona cosa. Un medico di campagna in pensione a Varsavia ha detto che per anni aveva prescritto la mia guida sessuale Magia Seksu ( How to Drive Your Man Wild in Bed ) ai suoi pazienti se avevano problemi sessuali . “

Breve video: Graham Masterton a una convention polacca
parla della provenienza delle sue idee

È stato determinante nella pubblicazione di Scare Care , una raccolta di storie dell’orrore vendute per raccogliere fondi per le associazioni di beneficenza per bambini. Quali questioni più ampie sono importanti per lui? Che cosa fa arrabbiare o “infiammare” Graham?

“Pochissime cose mi infiammano tranne la stupidità, l’ignoranza, la crudeltà e gli anziani che si vestono male e le persone che indossano cappelli o berretti in casa”, (ok, quindi in realtà non indossa abiti diversi cappelli per scrivere ogni genere …) “Oh, e Banksy ei suoi schifosi graffiti cliché. A parte questo, trovo quasi impossibile credere che nel 21 ° secolo stiamo ancora combattendo e uccidendoci a vicenda, specialmente bambini piccoli che non hanno mai avuto la possibilità di vivere la loro vita. Ho visto molti abusi sui minori, e anche bambini che hanno terribili malattie debilitanti e danni cerebrali, ed è per questo che ho messo insieme l’antologia Scare Care , che era una raccolta di racconti per lo più noti autori dell’orrore, tutti donati gratuitamente. Ha raccolto decine di migliaia di dollari per associazioni di beneficenza per bambini nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in diversi paesi europei “.

Allora, chi sono i suoi eroi e le sue eroine?

“Persone che credono in se stesse, si attengono a ciò in cui credono e si assumono dei rischi. Sto aiutando una giovane donna a scrivere il suo primo romanzo e la sua determinazione mi rende orgoglioso di lei. “

In molti libri di Masterton, troverai alcuni riferimenti artistici abbastanza specifici, a opere e pittori particolari. Capisco quindi che l’arte deve essere un suo interesse: come si alimenta la creatività di altri formati nella scrittura creativa?

“Ho sempre amato l’arte e infatti stavo per diventare un artista pubblicitario prima di decidere di diventare invece un giornalista. L’arte può insegnarti molto su come descrivere una stanza, una scena, un edificio o una persona. Dai un’occhiata ai dipinti di Velasquez, facilmente il mio pittore preferito. Da lontano sembrano immensamente dettagliati, ma quando guardi più da vicino puoi vedere che l’elaborata gorgiera di pizzo è solo poche macchie di bianco, e quel viso cherubico non è distinto nient’altro che alcune macchie di ocra rossa e gialla. Anche Picasso poteva farlo, prima di iniziare a dipingere tutta quella spazzatura cubista. Whistler arriva secondo vicino … “

In che misura Graham pensa che la posizione influenzi la creatività?

“La posizione è molto importante come ambientazione di una storia. Deve essere assolutamente credibile e sembrare reale. Ma posso scrivere ovunque. Ho scritto storie dell’orrore sulla spiaggia in Grecia e guide sessuali in un armadio a Stoccolma. Quando sono entrato in un giornale per la prima volta, la stanza dei giornalisti con tutte le sue macchine da scrivere manuali sembrava un negozio affascinante in un cantiere navale di Glasgow, ma presto ti abitui a scrivere con tutto quel rumore di fondo. “

Si è trasferito dalla Scozia all’Irlanda negli Stati Uniti e ritorno – può ancora essere considerato uno scrittore britannico?

“Quando scrivo, non sono a conoscenza di avere una nazionalità particolare. Ho ambientato molti dei miei libri negli Stati Uniti per motivi commerciali: il mondo intero ha familiarità con la cultura americana dai film e dalla TV, quindi ha senso. Al momento sto scrivendo una serie di libri su Katie Maguire, la detective irlandese, quindi l’interno della mia testa è completamente irlandese e mi ritrovo persino a dire cose come: (con accento blarney) ‘se il mio cane avesse una faccia brutta come la tua si radeva il culo e camminava all’indietro! “

Quindi, quando beviamo alla salute di Graham questo fine settimana del solstizio, cosa dovremmo brindargli con … uno shot di poteen o whisky irlandese? … forse alzare una Guinness?

“Mi è noto che mi piaceva un paio di Sauvignon Blanc, anche se recentemente a Bialystok, in Polonia, ho passato tutta la notte fino alle 2:30 del mattino con vodka alle fragole selvatiche. Era assolutamente delizioso e così puro che non ho avuto i postumi di una sbornia il giorno successivo.Mille grazie a Adam “Tequila”, il barman! “

– e grazie Graham Masterton, Saluti!

Sono appena usciti un nuovo romanzo catastrofico Siccità – nello stile di Peste e Carestia – e un nuovo romanzo di Katie Maguire, Luce rossa .

Una nuova raccolta di racconti Figures of Fear sarà pubblicata in ottobre e attualmente sta lavorando a un quarto romanzo di Katie Maguire e quando sarà finito promette: “di scrivere un romanzo così spaventoso che nessuno potrà dormire la notte dopo averlo letto. “

Graham Masterton stava parlando con Remy Dean .

Se questa intervista ti è piaciuta, puoi offrire a Remy un caffè .

Maggiori informazioni e notizie sul sito ufficiale di Graham Masterton…

Graham Masterton è “portato al libro” nel nostro numero di Natale …

Originariamente pubblicato su questingbeastscrawl.blogspot.com il 22 giugno 2014.