La torta di mele che gira

Il cielo è ombreggiato e il vento sarà fresco. È una sensazione molto confortevole. Oggi vado al VK Pure Vegetarian Studio dove ho sempre desiderato andare e seguire Irene, una delle sue pietanze preferite, per fare un dolce dolce. Ci sono tre modi per andare, uno è prendere la MRT e camminare, poi l’autobus e poi l’ubike.

Ho scelto ubike. Da quando sono rimasta incinta, non ho mai più guidato una bicicletta quest’anno. Ho seguito il mio amico e mi sono incamminato verso la destinazione con tranquillità. Abbiamo restituito l’auto al punto di riconsegna vicino a Guling Street. Guling Park è circondato da alberi su entrambi i lati. Sebbene le case siano dense, non ne risentono affatto e godono comunque del tranquillo comfort.

VK Pure Vegetarian Studio è una cucina che appartiene a uno spazio privato. Appena varchi la porta si viene contagiati dalla calda fragranza. Il dolce di oggi è fare la torta di mele.

La torta di mele che ho mangiato in passato è fatta con farina, burro e uova, ma a causa delle allergie di Irene, tutti i piatti consumati devono essere privi di glutine. Sono rimasta molto colpita e l’ho sentita dire prima: ” Mi piace molto mangiare, quindi non importa se passo da mangiatore di carne a vegano, mangiare bene è sicuramente la priorità assoluta. “

Grazie alla sua tenacia ho potuto riconoscere una torta di mele diversa. Questa volta la farò con farina d’avena, farina di mandorle e altri ingredienti. Ognuno ha una diversa divisione del lavoro. Mi è stato assegnato Sbattere la farina d’avena, tagliare le fette di mela, premere lo stampo e disporre i petali di mela.

Versare la farina d’avena nel frullatore e iniziare a mescolare. All’inizio, poiché voglio fare una farina velocemente, continuerò a premere il pulsante e lascerò che la rotazione continui. In questo momento, vivi mi ha ricordato di lasciare il tempo alla farina di respirare. La polvere che viene espulsa in questo modo respira, quindi premila e aspetta un po ‘per continuare. È come un ritmo nel cuore, che batte, ogni battito, c’è una pausa, infatti, è come un microcosmo di vita, a volte sempre Teso in un certo stato, ho dimenticato di respirare bene e alla fine non solo non riuscivo a respirare, ma anche le persone intorno a me.

La farina dopo aver battuto diventava una polvere granulosa, e veniva versata in una ciotola uno ad uno in attesa dell’incontro con gli altri ingredienti, così mi fu nuovamente assegnato il compito successivo: tagliare la mela, guardare Irene che mostrava, Tagliare la polpa vicino al gambo medio della mela e poi affettarli in ordine. Quando ho tagliato il bordo della mela, ho scoperto che non sapevo come gestirlo, quindi ho chiesto. Forse tagliare il frutto sembra essere un’azione molto semplice, ma è un’azione molto semplice. Nel processo scoprirai che non è così facile tagliare il frutto da tutte le angolazioni, è proprio a causa di un momento così concentrato che puoi chiedere con attenzione e poi imparare lentamente.

Durante il processo di apprendimento, mi sono reso conto che attraverso le spiegazioni di altre persone, mi sono reso conto che dovevo regolare il mio angolo di visione. Spesso gestivo le cose a modo mio, che lo sapessi o no, e in questo modo, Certo le cose si possono gestire bene, ma ci sarà una lacuna nella delicatezza.Se voglio tagliare la mela a piacimento, in realtà è possibile, ma non voglio perché voglio davvero sapere come tagliarla. , Così ho fatto domande e ho guardato la dimostrazione di Irene. Mi sono reso conto dell’importanza del mio angolo di visione e l’ho regolato al momento giusto. Quindi, quando giro la direzione del tagliente della mela, il metodo di taglio desiderato può continuare e ogni fetta di mela Non sarà sprecato.

La cosa più importante della torta di mele è la disposizione a fiocchi a forma di fiore, una dopo l’altra, alcune fette di mela sono rotte, alcune sono di colore rosso vivo e alcune sono di colore giallo-arancio. Queste fette di mela sono in cottura. Ci sono molte situazioni diverse dopo la cottura, ma non influenzeranno affatto la presentazione, perché possiamo imparare come disporre, nascondere questi difetti o come mostrare il colore che ci piace. Tutte le decisioni sono prese da noi stessi .

Di conseguenza, ho posizionato le fette di mela e ho scoperto che le fette di mela non corrispondevano alla teglia rotonda. Era come un motociclista che percorre una strada di montagna senza svoltare. Andava dritto fuori dalla traiettoria. Devi sapere come guidare bene. Girando anche le fette di mela, se piegate leggermente potete continuare a seguire la teglia fino a formare quel cerchio.

I dettagli di questi piatti sono in realtà cose banali, ma conoscono i loro difetti più chiaramente, trovano i problemi nell’osservazione e nella pratica, poi fanno domande, correggili e imparano lentamente.

Sono passate due ore e queste torte sono tutte cotte. Tutti si siedono a tavola e si godono la bontà della loro partecipazione, sorseggiando tè alla mela e condividendo il raccolto in lavorazione. Ogni boccone è caldo e morbido. È comodo e diverso dalle altre torte di mele. Ha anche la memoria comune tra i partner, le quali scene di produzione vengono trasmesse scena per scena, ricordando ogni collegamento al prodotto finito. Grazie alla partecipazione effettiva, possiamo capire meglio il processo. È un lavoro duro, quindi ogni parte non andrà sprecata. I piatti devono essere leccati come un cane per essere degni di chi li prepara con cura.

Prima di partire fuori pioveva e ho salutato tutti. Sulla via del ritorno alla stazione MRT, ho continuato a pensare, fette di mela che possono girare e cereali che possono respirare sono tutti prodotti nel mio corpo che cosa?