Interior Designer Anne Pappas : 5 cose che puoi fare per aiutare il tuo spazio vitale a suscitare più gioia

Aggiungi qualcosa di vecchio: ogni stanza, anche lo spazio più contemporaneo, ha bisogno di qualcosa di antico o vintage che faccia da contrappunto. Non c’è vita in una stanza con un mucchio di cose nuove. Un comò antico, un divano rifoderato, un tappeto antico, uno specchio o un’opera d’arte vintage sono così importanti per aggiungere personalità a uno spazio.

Come parte della mia serie sulle “5 cose che puoi fare per aiutare il tuo spazio vitale a suscitare più gioia”, ho avuto il piacere di intervistare Anne Pappas.

Con oltre un decennio di esperienza nel design, Anne Pappas ha fondato Anne Pappas Interiors a Savannah, in Georgia nel 2011. Anne ha conseguito un B.A. dalla Boston University in Storia dell’arte e classici e un master in Interior Design presso il Savannah College of Art and Design. Ha trascorso del tempo a studiare storia dell’architettura a Parigi, in Francia e in tutta Europa.

Anne ha acquisito esperienza nella progettazione e nella direzione di progetti con studi di architettura nell’area di Washington, DC e in seguito ha lavorato come designer del personale per il Savannah College of Art and Design’s campus a Savannah, Atlanta e Hong Kong. Ha applicato le sue capacità a progetti commerciali internazionali e nazionali su larga scala, nonché interni residenziali dettagliati e raffinati. Anne collabora spesso con architetti, imprenditori e commercianti e lavora con clienti locali, regionali e nazionali.

Grazie mille per esserti unito a noi in questa serie! Prima di immergerci, i nostri lettori vorrebbero saperne di più su di te. Puoi raccontarci una storia su cosa ti ha portato a questo specifico percorso di carriera?

G remando in una famiglia accademica, avevo pensato che avrei seguito un percorso simile e sarei diventato un professore di storia dell’arte. Ho accettato un lavoro in una galleria d’arte contemporanea a Boston poco dopo aver terminato la mia laurea. Ho scoperto che mi piaceva progettare gli spettacoli per le mostre tanto quanto l’arte. Mi è piaciuto anche collaborare con architetti e designer. Fino ad allora, non avevo considerato l’interior design una carriera seria. Ho deciso di conseguire una laurea in interior design presso il Savannah College of Art and Design, che mi ha avviato il mio attuale percorso di carriera.

Puoi condividere la storia più interessante che ti è capitata da quando hai iniziato questa carriera?

Ho sempre amato viaggiare e studiare altre culture. La mia carriera mi ha aiutato a fondere entrambi i miei interessi. Durante un viaggio a Parigi, mi sono fermato per strada e ho fotografato un piccolo negozio nel Marais che era la perfetta tonalità di verde che non sapevo nemmeno di cercare, l’ideale per un progetto a cui stavo lavorando in South Carolina. Ho avuto l’opportunità di acquistare tappeti e tessuti dall’India, pelli di pesce dall’Islanda e oggetti d’antiquariato dall’Europa. Tutte queste esperienze hanno influenzato il mio occhio e il mio approccio al design.

Puoi condividere una storia sull’errore più divertente che hai commesso quando hai iniziato? Puoi dirci quale lezione hai imparato da questo?

All’inizio della mia carriera ho lavorato per uno studio di architettura ad Annapolis, nel Maryland. Entro il primo mese di lavoro, il mio capo mi ha consegnato una serie di piani per un grande progetto commerciale che aveva deciso di portare a termine. Quando l’ho fatto, li ha timbrati e mi ha chiesto di ottenere un permesso. Non avevo idea di cosa fare. Ho letteralmente camminato fino all’edificio del municipio portando sette serie di piani (di cui un altro architetto mi aveva informato che avrei avuto bisogno). Sono andato da un dipartimento all’altro fino a quando non ho capito cosa fare con questi piani per ottenere un permesso di costruzione.

Da quell’esperienza ho imparato l’importanza della risoluzione dei problemi e come trovare risposte alle domande. Ho anche imparato che va bene per dire che non sai qualcosa o che non capisci qualcosa. Quelle lezioni sono rimaste davvero con me nel corso degli anni.

Quali sono alcuni dei progetti più interessanti o entusiasmanti a cui stai lavorando ora? In che modo pensi che potrebbe aiutare le persone?

Attualmente sto lavorando a due bellissime case di nuova costruzione a Crane Island, che sono i miei primi progetti di design in Florida. È una parte così meravigliosa del paese e sono entusiasta di avere l’opportunità di lavorare lì. Adoro il fatto che i clienti si fidino di me e mi chiedano consigli e approfondimenti.

Sto anche creando interni per una casa vittoriana nel quartiere Starland di Savannah, un’area emergente recentemente premiata da Southern Living come “Il miglior quartiere del sud”. Sto lavorando con una coppia giovane e creativa e li sto aiutando a trasformare una classica casa vittoriana in una bella residenza in stile L.A. con una capanna in piscina e accenti Hollywood Regency e Mid-Century Modern. È molto divertente!

Puoi darci la tua “citazione di lezione di vita” preferita? Puoi condividere in che modo questo è stato rilevante per te nella tua vita?

Ho sempre amato la frase di Marco Aurelio: “Ricevi senza orgoglio. Lasciar andare senza attaccamento. ” Mi sono doppiamente laureata in Lettere classiche e Storia dell’arte al college, studiando filosofi antichi, che parallelamente all’infanzia e all’età adulta pratica e studia yoga. Una delle principali correnti sotterranee di entrambe le discipline implica il lasciar andare gli attaccamenti.

Recentemente mi è stato presentato il libro “The Daily Stoic” e mi sono imbattuto di nuovo in questa citazione. Che grande promemoria, soprattutto quando, come designer, possiamo attaccarci alle idee su come dovrebbe essere un progetto o alle cose che pensiamo di aver bisogno per rendere grande un design. Quando sei abbastanza coraggioso da lasciar andare quegli attaccamenti e l’ego, il vero design accade.

Nessuno di noi è in grado di raggiungere il successo senza un aiuto lungo la strada. C’è una persona in particolare verso cui sei grato che ti ha aiutato a portarti dove sei? Puoi condividere una storia a riguardo?

Sono profondamente grato a tutti coloro che mi hanno aiutato nel corso della mia carriera, ma ci sono due persone che si distinguono davvero. All’inizio della mia carriera, l’architetto Scarlett Breeding ha servito come mentore in un momento importante della mia vita. Era l’unica partner femminile dello studio e aveva insegnato alla Virginia Tech. Mi ha insegnato il livello di dettaglio richiesto per realizzare un design di fascia alta e il fatto che devi considerare ogni superficie e capire come i pezzi del progetto si adattano tutti insieme. Mi ha anche ispirato e mi ha insegnato come gestire un progetto di design e come comunicare il design con costruttori, artigiani e architetti.

Apprezzo anche la guida del mio amico e imprenditore Greg Parker. Greg è il fondatore e CEO di Parker’s, che è stata recentemente premiata come catena di minimarket dell’anno 2020. Greg ha fondato la sua azienda a Midway, in Georgia nel 1976 e ha davvero enfatizzato la qualità in tutto ciò che fa, alzando il livello di ciò che i clienti possono aspettarsi da un minimarket. Greg è entrato nella mia vita quando ero una mamma single da poco, dandomi i consigli di cui avevo bisogno: fare più marketing e PR e promuovere me stesso. Mi ha anche incoraggiato a trattare la mia attività di design come un’impresa e ad apprezzare ciò che porto in tavola. Il mio background è nel design, non negli affari, ma Greg mi ha spinto a vedere come questi due mondi possono combaciare.

Grazie per questo. Ecco la domanda principale della nostra discussione. Quali sono le tue “5 cose che puoi fare per aiutare il tuo spazio vitale a suscitare più gioia” e perché. Per favore condividi una storia o un esempio per ciascuno.

Modifica : sono fermamente convinto che meno è meglio. Elimina il disordine e conserva solo le cose che ritieni più belle, sentimentali o speciali. Sono molto intenzionale con i pezzi con cui vivo. Una stanza ha bisogno di respirare e, quando lo fa, respirerai anche meglio.

Aggiungi texture : adoro progettare stanze monocromatiche o neutre, ma per farle sentire calde, è tutta una questione di texture. Aggiungendo finiture metalliche, uno specchio anticato, tessuti o fibre naturali, pelle, camoscio o legno (verniciato o naturale) può fare la differenza. È la trama che crea interesse e calore.

Mostra la tua vista: molti dei miei clienti sono fortunati ad avere splendide viste sulla costa, ma qualunque sia la vista dalla tua finestra, considerala e inquadra. Lo spazio fuori dalla tua finestra si riferisce direttamente agli interni. Tratto una vista come un dipinto. Come inquadreresti una vista sulla città? Forse dipingi il telaio della finestra di nero per incorniciarlo o appendi drappeggi tonali su entrambi i lati di una vista panoramica del paesaggio.

Pensa alle fonti di illuminazione: l’illuminazione è così importante. Amo usare una varietà di sorgenti luminose, lampade da tavolo e da terra, applique e dispositivi decorativi morbidi e sospesi. Ho anche messo tutto su un dimmer. È fantastico poter controllare la luce a seconda dell’ora del giorno, della stagione o dell’umore.

Aggiungi qualcosa di vecchio: ogni stanza, anche lo spazio più contemporaneo, ha bisogno di qualcosa di antico o vintage che faccia da contrappunto. Non c’è vita in una stanza con un mucchio di cose nuove. Un comò antico, un divano rifoderato, un tappeto antico, uno specchio o un’opera d’arte vintage sono così importanti per aggiungere personalità a uno spazio.

Sei una persona di grande influenza. Se potessi iniziare un movimento che porterebbe la maggior parte del bene al maggior numero di persone, quale sarebbe? Non sai mai cosa può innescare la tua idea. 🙂

Se potessi iniziare un movimento, sarebbe il movimento “less is more”. Credo davvero che il grande esercizio di design sia moderato. Amo creare interni caratterizzati da un senso di tranquilla raffinatezza e idee innovative. In definitiva, i nostri progetti di maggior successo portano i clienti in un viaggio creativo in luoghi che non avrebbero mai immaginato.

Siamo molto fortunati che alcuni dei più grandi nomi del mondo degli affari, dei finanziamenti VC, dello sport e dell’intrattenimento leggano questa colonna. C’è una persona al mondo, o negli Stati Uniti, con la quale ti piacerebbe fare una colazione o un pranzo privato e perché? Potrebbe vederlo, soprattutto se li taggiamo 🙂

Mi piacerebbe fare colazione o pranzare con Sean Monahan e Monica Paolini, i designer dietro Sea NY. Adoro il modo in cui hanno creato un marchio così unico con un’identità davvero forte. Il modo in cui traducono l’ispirazione vintage, abbinata a elementi e forme moderne, è così stimolante. Hanno una sensazione e un linguaggio così forti e unici, che richiedono disciplina, concentrazione e creatività.

Recentemente hanno pubblicato “Christina’s World” di Andrew Wyeth, il mio dipinto preferito, di un artista che ha influenzato il mio stile personale e professionale, sulla loro pagina Instagram, che è un sogno visivo. Trovo così tanta ispirazione in altri media e tendo a seguire artisti, stilisti, designer di tessuti e architetti per trovare ispirazione nel mio lavoro.

Come possono i nostri lettori seguirti sui social media?

Cercami su Instagram e @annepappasinteriors.

Grazie mille per esserti unito a noi. Questo è stato di grande ispirazione!