In che modo vincere $ 1,54 miliardi in Mega Millions potrebbe ancora portare al fallimento

Di Jay Zagorsky per The Conversation US

Il biglietto “fortunato” potrebbe non essere così fortunato, dopotutto.

Alla fine è emerso un vincitore per il jackpot Mega Millions da 1,537 miliardi di dollari. La ricerca suggerisce che il vincitore non ancora identificato potrebbe non essere così fortunato.

Il jackpot è cresciuto fino a raggiungere quell’enorme somma dopo che le 25 estrazioni che l ha fatto dalla fine di luglio non sono riuscite a vincere. Ciò lo rende il secondo più grande premio della lotteria che il mondo abbia mai visto. Il record è arrivato nel 2016, quando il gioco rivale Powerball ha raggiunto $ 1,6 miliardi. Anche il Mega Millions in precedenza era stimato a $ 1,6 miliardi, ma è sceso dopo il conteggio dei biglietti.

Le probabilità di vincita sono molto basse, circa 1 su 303 milioni. Hai circa 400 volte più probabilità di essere colpito da un fulmine. Se ogni adulto negli Stati Uniti acquistasse un solo biglietto, ciascuno con un numero diverso, ci sarebbero comunque buone probabilità – circa il 7% – che nessun vincitore emerga a una data estrazione e il piatto diventerebbe ancora più grande.

Ma una volta che un vincitore viene dichiarato e ritira il premio, sorge una domanda più interessante: cosa succede a tutti quei soldi e al possessore del biglietto “fortunato”? Come dimostrano le mie ricerche e quelle di altri, spesso non è quello che ti aspetteresti.

Un premio più piccolo di quanto sembri

La prima cosa da tenere a mente è che mentre il jackpot è incredibilmente alto, la vincita effettiva sarà molto inferiore.

Se qualcuno lo rivendica, il vincitore non riceverebbe effettivamente $ 1,537 miliardi in un grande assegno il giorno successivo. In qualità di singolo vincitore, lui o lei può scegliere un pagamento forfettario pari a circa $ 878 milioni o ricevere $ 1,537 miliardi di pagamenti annuali che aumentano progressivamente in 30 anni.

Dopodiché, il fisco può dare un grosso boccone. Se il vincitore proviene da uno stato senza una tassa sulla lotteria come la Florida o il Texas e sceglie una somma forfettaria, il governo federale prenderà circa 211 milioni di dollari, lasciando 667 milioni di dollari. Secondo quanto riferito, il biglietto vincente è stato acquistato nella Carolina del Sud, il che richiederebbe il 7%, lasciando al titolare circa 606 milioni di dollari.

Quel jackpot sta iniziando a sembrare molto più piccolo, anche se è ancora un bel pezzo di cambiamento.

Dove vanno i colpi di fortuna

L’opinione comune è che vincere alla lotteria cambierà la tua vita. Anche se probabilmente è sempre vero, la ricerca suggerisce che non sempre nel modo in cui potresti sperare.

Gli economisti Guido Imbens e Bruce Sacerdote e lo statistico Donald Rubin hanno mostrato in un documento del 2001 che le persone tendono a spendere inaspettati guadagni. Guardando i vincitori della lotteria circa 10 anni dopo aver vinto, è emerso che hanno risparmiato solo 16 centesimi per ogni dollaro vinto.

Nella mia ricerca, ho scoperto che la persona media tra i 20, i 30 e i 40 anni a cui è stata data un’eredità o un grande dono finanziario ha perso rapidamente metà del denaro a causa di spese o investimenti scadenti.

E altri studi hanno scoperto che vincere alla lotteria in genere non aiutava le persone in difficoltà finanziarie a sfuggire ai loro guai e invece rimandava solo l’inevitabile bancarotta. Uno ha rilevato che un terzo dei vincitori della lotteria fallisce.

Non è facile far saltare tutto

Allora, come può esattamente un vincitore della lotteria soffiare centinaia di milioni di dollari così velocemente? Non è facile.

La ricerca demografica sulle caratteristiche dei giocatori della lotteria mostra che le lotterie raggiungono il picco quando le persone hanno un’età compresa tra i 30 ei 39 anni e diminuiscono quando le persone invecchiano. E la persona media negli Stati Uniti vive fino a 79 anni.

Ciò significa che, supponendo che il vincitore abbia circa 30 anni, avrebbe circa 45 anni per spendere la somma forfettaria al netto delle imposte di, diciamo, $ 900 milioni. Ciò significa che dovrebbe spendere un po ‘meno di $ 20 milioni all’anno o circa $ 55.000 al giorno per bruciare tutto, anche di più se si tiene conto degli interessi maturati mentre sono in banca.

Inoltre, saltare davvero tutto significa che il vincitore non ha risorse da mostrare per questo. Se usa i soldi per acquistare case di lusso, dipinti di Banksy, Ferrari e Aston Martin, il suo patrimonio netto non cambierebbe effettivamente e sarebbe in grado di ritirarsi con la sua ricchezza intatta, supponendo che gli investimenti mantengano il loro valore o aumentino.

Perdere soldi, il che porta alla bancarotta e bassi tassi di risparmio, significa che il vincitore non ha nulla da mostrare per le sue spese oltre a divertirsi.

Dalla ricchezza agli stracci

E questo è fondamentalmente ciò che ha fatto un uomo di nome Huntington Hartford.

Hartford, vissuto dal 1911 al 2008, è stato l’erede del Great Atlantic & amp; Fortuna della Pacific Tea Company. Questa azienda, nata poco prima della guerra civile, è meglio conosciuta come la catena di supermercati A&P. A & amp; P è stato il primo negozio di alimentari da costa a costa degli Stati Uniti e dalla prima guerra mondiale agli anni ’60 è stato ciò che Walmart rappresenta per gli acquirenti americani di oggi.

Hartford ha ereditato circa 90 milioni di dollari quando aveva 12 anni. Adeguarsi all’inflazione significa che da bambino gli sono stati donati oltre 1,3 miliardi di dollari, al netto delle tasse. Eppure Huntington dichiarò bancarotta a New York nel 1992, circa 70 anni dopo aver ricevuto una delle più grandi fortune del mondo.

Hartford ha avuto il tocco inverso di Midas. Ha perso milioni acquistando proprietà immobiliari, creando un museo d’arte e sponsorizzando teatri e spettacoli. Ha combinato scarse capacità imprenditoriali con uno stile di vita eccezionalmente sontuoso. Dopo aver dichiarato bancarotta, ha vissuto da recluso con una figlia alle Bahamas fino alla sua morte.

Possano le probabilità essere sempre a tuo favore

La storia della vita di Hartford, unita alla ricerca accademica, mostra che arrivare a una manna di denaro non ha sempre un lieto fine. Sprecare quei soldi è più facile di quanto sembri.

Se hai giocato e non hai vinto, ti auguro buona fortuna la prossima volta. Se hai giocato e vinto, ti auguro ancora più fortuna.

Tuttavia, una lezione chiave, che tu giochi o meno, è che quando ottieni un guadagno inaspettato o vinci alla lotteria, pianifica in anticipo e resisti alla tentazione fin troppo umana di spendere tutti i soldi.

Questa è una versione aggiornata di un articolo originariamente pubblicato il 12 gennaio 2016.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation .

Jay Zagorsky è professore associato aggiunto presso la Boston University Questrom School of Business.

Per ulteriori commenti degli esperti della Boston University, seguici su Twitter all’indirizzo @BUexperts . Segui Questrom School of Business su Twitter all’indirizzo <”@BUQuestrom.