Il grande risveglio: troppo male che abbiamo dormito troppo

La scorsa notte, una società decente è andata a dormire, ammesso che abbiamo dormito, con un dolore profondo fino alle ossa. Mal di stomaco, mal di testa, ansia, stress, depressione. Alcuni di noi hanno bevuto (alza la mano). Alcuni si sono rivolti ai social media per inveire contro la parodia che si sta giocando a Washington e per trovare conforto nei numeri.

Per quasi quattro anni, tutti questi sentimenti sono a quasi costanti. Per quasi quattro anni abbiamo osservato come la nostra popolazione si avvalesse di più visite a terapisti e farmaci per aiutare con ogni sorta di disagio e disturbo emotivo e mentale. Per quattro anni molti di noi hanno vissuto un ciclo di insonnia di Twitter così costante che abbiamo sviluppato vere e proprie amicizie attraverso l’etere con quelle che scorrono anche verso l’alto alle 2 del mattino.

Quattro anni fa lo sapevamo . Sapevamo nel periodo precedente cosa sarebbe successo se Trump si fosse scatenato su questo paese. Lo sapevamo mentre lo guardavamo fomentare l’odio, aumentare la paura, alimentare il fuoco del razzismo, della misoginia, del fanatismo, della xenofobia. Sapevamo che i suoi cultisti indossavano con orgoglio magliette e camicie Fuck Your Feelings incoraggiandolo a Grab My Pussy Mr. Trump . Abbiamo avvertito le persone. Abbiamo implorato la gente. Abbiamo visto esattamente cosa c’era in ballo per questa nazione, per il nostro sistema di governo, per il nostro più alto livello di giustizia, per i gruppi emarginati, per coloro che sono stati discriminati.

<” Lo sapevamo.

E siamo stati derisi, derisi, messi alla berlina come allarmisti, estremisti, pazzi. Eppure eccoci qui.

Ogni controllo ed equilibrio a cui teniamo caro per secoli si è dimostrato una follia di fronte a uomini e donne deboli che cercano la vicinanza al potere per servire e proteggere il pubblico.


Un gruppo dopo l’altro è stato apertamente preso di mira da un fetido sacco di acque luride con un abito che indossava male e una lunga cravatta, incoraggiando a sua volta i suoi cultisti ad agire apertamente contro i neri, i bruni, i LGBTQIA, i SOGNI, i musulmani, gli ebrei e ancora e ancora.

Il nostro accesso all’assistenza sanitaria è nel mirino. Se hai una condizione preesistente, la paura che senti è molto reale (e direi ancora che essere un essere umano è una condizione preesistente). L’Affordable Care Act ha reso impossibile per le compagnie di assicurazione negare la copertura: innumerevoli persone sono ancora in vita oggi a causa di questo aspetto. Trump e la sua congrega sono in tribunale da anni ormai per uccidere l’intero programma, buttando via decine di milioni dalla loro copertura e mettendo in pericolo le vite di coloro la cui assicurazione è la loro vera ancora di salvezza. Con Barrett in campo, aspettati che vaporizzi prima di Natale. Il fatto che milioni di MAGAts beneficino di questo programma non li colpirà finché non provano dolore, non possono permettersi le medicine del piccolo Bubba, o muoiono e non possono vedere un medico.

Il dominio delle donne sul proprio corpo non è mai stato più in pericolo. Abbiamo tutti trattenuto il fiato e ci siamo nascosti dietro una dea giurista alta cinque piedi, sperando contro ogni speranza che sarebbe sopravvissuta fino al 20 gennaio 2021. Il cancro aveva altri piani. E ora abbiamo visto Trump installare il suo terzo giudice della Corte Suprema – una donna squallida che crede che dovremmo essere zerbini per gli uomini; chi ha una storia di fanatismo aperto contro l’LGBTQIA; che è stata scelta appositamente non per la sua esperienza (non ne ha), ma per la sua disponibilità a essere una pedina per Trump, un randello contro interi gruppi di persone; una chiave per tenerlo in carica o fuori di prigione.

Non lo pensi? Il suo primo atto è stato quello di partecipare a un evento politico dopo il suo giuramento. Qualsiasi giudice, ma soprattutto un SCJ, dovrebbe essere apolitico. Le loro decisioni e sentenze devono essere basate sulla legge, sulla Costituzione, non sulla loro promessa di fedeltà a un conduttore di giochi d’azzardo assalito. Eppure eccola lì, felice di essere fotografata accanto a Trump sul balcone, circondata da quei GOPers riuniti per Rose Garden Superspreader 2.0.

La scorsa notte è stata una campana a morto per la vera giurisprudenza al nostro più alto livello. In un paese 3–6, ora abbiamo 6–3 panchina. Con un’ancella in residenza pronta a ribaltare Roe, togliere protezioni ai cittadini LGBTQIA, ritirare la loro capacità di sposarsi, adottare, uccidere i sogni dei DREAMers, buttare via decine di milioni dalla loro assicurazione e potenzialmente rubare un’altra elezione per questa cabala di contro.

Sapevamo che tutto questo era sul tavolo quattro anni fa. Eppure oltre 62 milioni di persone hanno ancora votato a favore. Innumerevoli persone di terze parti hanno votato, scritto in Babbo Natale, si sono cagati i pantaloni perché Bernie non era il candidato, o non ha votato affatto. Inzuppati del privilegio che ha reso possibili le loro buffonate, hanno contribuito a portare questo paese nel precipizio dove ora oscilla.

Sì, è incoraggiante vedere che con l’accumulo di indignazione dopo indignazione, orrore dopo orrore, abuso dopo abuso, c’è stato un grande risveglio. Fino a ieri sera, oltre 63 milioni di persone avevano votato in anticipo. Questa è letteralmente la metà del totale delle elezioni del 2016. I giovani si sono registrati a frotte e sono andati alle urne – votano in modo schiacciante Biden / Harris. Le unità di voto sono state in overdrive e funzionanti.

Stiamo votando. Siamo svegli. Ma resta il fatto triste: abbiamo dormito troppo. Quando contava, stavamo ancora premendo ripetutamente il pulsante snooze, consentendo agli altri di prendere le decisioni per noi; permettendo al nostro disinteresse per la politica di tenerci lontani dalle urne; permettendo al nostro privilegio di tenerci “addormentati”.

Dopo aver dormito troppo, ora siamo nella posizione molto reale in cui queste elezioni hanno letteralmente tutto su di sé. DOBBIAMO vincere questo o questo paese, ogni valore, ogni legge, ogni brillante ideale, ogni centimetro di questo grande esperimento chiamato Stati Uniti d’America sarà finito. Il fascismo diventerà concreto, i diritti saranno tolti, interi gruppi saranno in pericolo mortale, gli aborti saranno nei vicoli, l’assistenza sanitaria sarà solo per i ricchi.

Quindi, sì, stiamo votando in numeri mai visti prima. I sondaggi dicono che stati come il Texas sono effettivamente in gioco. E questo è fantastico. Ma i repubblicani stanno lavorando tutto il giorno per assicurare che i voti siano difficili da esprimere e, peggio, potrebbero non essere contati. Proprio ieri sera un altro round di successi del GOP mentre i tribunali del Wisconsin hanno stabilito che le schede elettorali con timbro postale ma non ricevute entro il giorno delle elezioni alle 20:00 non verranno conteggiate. Divertente, considerando che posso presentare la mia dichiarazione dei redditi a un ufficio postale entro la mezzanotte del 15 aprile ed è considerata puntuale, anche se l’IRS non la riceverà e non la elaborerà per giorni e giorni.

Nel suo scritto sulla decisione del Wisconsin, Beergut McRapeydrunk Kavanaugh ha messo in moto esattamente ciò che Trump vuole: l’incapacità di schede per assenti qualificate (con timbro datato) di influenzare i risultati della scorsa notte delle elezioni. “Questi Stati vogliono evitare il caos e i sospetti di scorrettezza che possono derivare se migliaia di schede assenti arrivano dopo il giorno delle elezioni e potenzialmente ribaltano i risultati di un’elezione”. Sono sicuro che Squee sia d’accordo con te Brett. Ma la maggioranza del pubblico votante no.

Sono preoccupato per acrobazie come quelle messe in atto in Texas dal governatore Greg Abbott, che liberano 1.000 soldati della Guardia nazionale nelle città democratiche il giorno e la notte delle elezioni. Cosa si stanno aspettando in termini di protesta?

Sono preoccupato per dove si trovi William Barr. A questo punto, è nascosto su un ventilatore, morto o lavora dietro le quinte per mettere in moto le dispute legali che prenderanno vita la notte delle elezioni se Trump dovesse iniziare a vedere gli stati che gli sfuggono di mano.

A questo punto, in nessuna circostanza qualcuno dovrebbe lasciare la propria scheda elettorale in una cassetta delle lettere. Il sistema di posta è stato compromesso per mesi e non è diventato non compromesso solo perché DeJoy e lo smantellamento sono scomparsi dai titoli dei giornali. Chiediti quanto sono stati coerenti la consegna e gli importi della posta negli ultimi tempi? Le schede devono essere consegnate a mano agli ufficiali di stato civile e alle urne ufficiali. La votazione anticipata è in corso e sebbene tu debba portare una sedia pieghevole e un pranzo, puoi comunque esprimere il tuo voto prima del 3 novembre.

Francamente, ci sono pochi motivi preziosi per ritardare il voto. Indeciso? Vaffanculo. Duro? FUCK YOU TWICE. A questo punto chiunque si dichiari indeciso è una puttana dell’attenzione che non merita di votare e di certo non valorizza i propri concittadini.

Se sei una delle persone che sta ancora piangendo per il tuo candidato primario preferito, tira su i pantaloni grandi da ragazza / ragazzo e vai avanti. Yang non ha mai avuto alcuna possibilità. Bernie non doveva esserlo e LUI ti sta esortando a votare per Biden.

Se stai giocando con l’idea di scrivere a Kanye West? GTFO. Seriamente, OTTIENI. IL. FANCULO. FUORI . Se era nelle urne votare per fare quel casino, prendi le sue medicine e ottieni l’aiuto di cui ovviamente ha bisogno, allora con tutti i mezzi, vota SÌ su SÌ. Ma votare da terze parti o scrivere in un candidato di merda è come buttare via il tuo voto, lo stesso che votare per Trump. Abbiamo bisogno di tutte le mani sul ponte, non tutte le mani che agiscono come cazzi.

E infine, se sei seduto lì NON vota? È davvero un bel privilegio che indossi. Danno ani? Di orrore ? Offendere io? Ti supplico di liberarti della noia da designer e di aprire gli occhi su quante persone hanno bisogno che tu le vedano per preoccuparsi di cosa succede a loro, che freghi .

<”Vota per il DREAMer che non ha mai conosciuto terra all’infuori di questa. Vota per i milioni di sopravvissuti COVID che ora hanno una condizione preesistente con i loro cuori, i loro polmoni. Vota per milioni di giovani ragazze che crescono che meritano di avere il dominio esclusivo sul proprio corpo, sul processo decisionale e sulla sicurezza quando lo desiderano. Vota per i ragazzi adolescenti neri i cui genitori temono per la loro vita ogni volta che escono di casa, portano la macchina al negozio, camminano per strada. Vota per le 231.308 persone che sono morte inutilmente per mano di un governo inetto e ignorante che ha ignorato una pandemia mortale. Vota per gli altri 100.000 stimati che non squilleranno nel nuovo anno. Vota per Lesley Stahl che ora deve avere una protezione di sicurezza 24 ore su 24 perché ha avuto il coraggio di porre alcune domande “difficili” al presunto “uomo più potente del mondo”. Vota per i 545 bambini che sono stati rapiti dai loro genitori a causa di questo atroce orrore di un governo. Vota per i milioni e milioni di persone che non sono cristiane, che possono credere o non credere affatto, che meritano un sistema giudiziario in cui nessun “dio” è da nessuna parte le sentenze. Vota per mio figlio transgender che era stato privato la notte delle elezioni 2016 e ora terrorizzato all’idea di essere preso di mira e cancellato dal suo stesso paese. Vota come i TUOI diritti dipendono da questo, anche se non lo fanno.

Le elezioni hanno delle conseguenze. Abbiamo provato ad avvertirti di questo quattro anni fa, ma ci hai lasciato senza fiato. Guardati intorno a ciò che da allora è stato degradato, sviluppato, distrutto da questi cretini. SVEGLIATI. Non possiamo più permetterci di premere il pulsante snooze sui nostri concittadini, sulla nostra nazione, sulla nostra stessa umanità.

<”VOTO.