I dispositivi mobili ad alta velocità accelera l’Africa e l’India

Copyright immagine Thinkstock Didascalia immagine Internet mobile ad alta velocità potrebbe dare una spinta alle economie in via di sviluppo

L’introduzione della connettività mobile ad alta velocità in Africa e India sta dimostrando ancora una volta come le economie emergenti possano superare le tradizionali fasi di sviluppo per accelerare la loro crescita economica.

I governi di questi paesi scommettono che le connessioni Internet 4G più veloci via etere, piuttosto che le costose infrastrutture cablate, daranno alle aziende un gradito aumento della produttività.

L’aggiornamento tecnologico sta già facendo la differenza per molte piccole imprese.

“Avere un accesso a Internet molto più veloce significa fare di più”, afferma Yomi Adegboye, un’imprenditrice nigeriana che gestisce un famoso blog che recensisce cellulari e gadget.

Ha avuto un impatto “enorme” sulla sua attività, afferma.

“Posso portare a termine le cose online in un periodo di tempo molto più breve e veloce di quanto avrei potuto fare prima. I download sono più facili. Ciò consente una maggiore efficienza e un’assistenza clienti più rapida “, aggiunge.

Copyright immagine Thinkstock

Il signor Adegboye è una delle prime persone in Nigeria – e in Africa – a usufruire di Internet mobile 4G. per gentile concessione della società di telecomunicazioni Smile Group.

Il suo amministratore delegato, Irene Charnley, dice alla BBC che la necessità di servizi di dati ad alta velocità è molto maggiore nei paesi che non hanno infrastrutture di linea fissa.

“Massicciamente diverso”

Ma perché si stanno spostando direttamente al 4G in un continente in cui vaste distese di terra non hanno 3G o anche un segnale mobile 2G, per non parlare di Internet fisso?

È perché “il 4G è il mezzo più rapido ed economico per accedere ai servizi digitali”, afferma.

Lo standard 4G LTE (Fourth Generation Long Term Evolution) è stato progettato innanzitutto come un servizio Internet affidabile e ad alta velocità, afferma la signora Charnley.

“Il 4G è enormemente diverso in termini di qualità, affidabilità e velocità … non è come il 2G, che è stato progettato per la voce e poi ha aggiunto alcuni servizi di dati molto lenti, o il 3G che era per voce e dati ma ha finito per essere un compromesso “, dice.

I clienti 4G di Smile in Africa godono di velocità di download medie di 6 Mbps (megabit al secondo), afferma, con alcuni di 21 Mbps. Questa media si confronta favorevolmente con la velocità media della rete 3G nelle città del Regno Unito.

L’accelerazione della velocità di Internet è sicuramente apprezzata dai proprietari di piccole imprese come Mr Adegboye.

“È un mondo completamente diverso dal 3G che utilizzavo”, afferma. “È molto più veloce e molto più stabile e affidabile di qualsiasi altra cosa che abbiamo mai usato.”

India digitale

In India, il primo ministro Narendra Modi sta dando la priorità alla connettività Internet nell’ambito della sua iniziativa “India digitale”, nella speranza che questo aiuti a modernizzare tutti gli aspetti del paese, dalla salute e l’istruzione, all’approvvigionamento alimentare e alla produzione.

Copyright immagine AP Didascalia immagine Il primo ministro indiano Narendra Modi spera che il passaggio al 4G acceleri la crescita economica

I 950 milioni di utenti mobili del Paese utilizzano ancora i loro telefoni principalmente per effettuare chiamate vocali: la penetrazione di Internet rimane molto bassa in tutto il Paese.

Sameer Pitalwalla, amministratore delegato di Culture Machine, una società di intrattenimento digitale che realizza programmi per dispositivi mobili e computer, non vede l’ora di avere Internet più veloce.

“Man mano che la connettività Internet diventa più grossa … si vede una co-relazione diretta con gli utenti che guardano più video”, ha detto all’India Business Report della BBC.

“Vediamo che non solo la nostra base di iscritti aumenterà … sarà una marea crescente che solleverà tutte le barche, perché le persone avranno accesso ai contenuti”.

Il mese scorso la più grande società di telecomunicazioni dell’India, Airtel, è stata la prima a lanciare servizi 4G. È probabile che altri operatori seguano l’esempio, provocando una possibile guerra dei prezzi.

Ma i consumatori e le aziende spereranno che il 4G in India si dimostri più affidabile dei servizi 3G e 2G esistenti nel paese, che sono stati a dir poco irregolari.

La scarsità di antenne per telefoni cellulari e lo spettro radio limitato ha ostacolato l’efficienza, affermano gli operatori. Il governo di Modi ha recentemente messo all’asta più spettro per aprire la strada a una connettività più rapida.

Corsia lenta rurale?

Ma poiché l’India e l’Africa adottano l’Internet mobile ad alta velocità, le loro comunità rurali potrebbero chiedersi se perderanno questo progresso tecnologico, dato che gli operatori tendono a concentrare i loro piani di implementazione su aree urbane più ricche.

Bongo Futuse, portavoce dell’operatore sudafricano Vodacom, ammette quasi altrettanto, dicendo: “L’implementazione è una funzione di una serie di fattori, tra cui disponibilità di spettro, backhaul sufficiente, base di utenti adeguata, penetrazione di smartphone e così via.

/ p>

“Questi fattori tendono a dettare una strategia di lancio che inizialmente inizia nelle aree urbane e poi si sposta nelle zone rurali.”

Copyright dell’immagine Getty Images Didascalia dell’immagine L’India tradizionale sta adottando la tecnologia mobile per stimolare la crescita

Per questo motivo, Danson Njue, analista di ricerca presso Ovum, sostiene che i governi devono essere coinvolti nell’implementazione del 4G, direttamente o tramite sussidi a operatori privati.

“Come è sempre stato il caso, le società di telecomunicazioni concentrano i propri investimenti in aree che garantiscono un ritorno sull’investimento. A mio parere, richiede l’intervento del governo o la concessione di sussidi per incoraggiare gli investimenti nelle zone rurali “, afferma.

Una soluzione, afferma Njue, è che i governi possiedano la rete e gli operatori di telecomunicazioni acquistino l’accesso e lo distribuiscano ai clienti. Ciò, afferma, consentirebbe di ottenere una copertura nazionale molto più rapidamente rispetto all’approccio frammentato di affidarsi a singoli operatori.

“Buon esempio”

Il governo del Ruanda ha già adottato questo approccio, con il sig. Njue che afferma che il paese “è un buon esempio in cui questo modello funziona perfettamente”.

Carlos Martin Mwizerwa di Olleh Rwanda Networks (ORN), una partnership pubblico-privata che gestisce l’unica rete 4G del paese, afferma che ORN prevede di raggiungere il 95% di copertura 4G del territorio del Ruanda entro il 2017, con il 98% delle aree popolate rappresentate.

Copyright dell’immagine Getty Images Didascalia dell’immagine Il Ruanda spera che la sua rete 4G raggiunga le aree rurali e urbane

Ritiene che l’approccio della partnership consenta un’introduzione molto più rapida dei servizi, perché i singoli operatori privati ​​non perdono tempo a costruire reti concorrenti.

“I mercati in via di sviluppo difficilmente hanno il tempo per un lungo periodo di implementazione e questo approccio promuove un accesso rapido e conveniente ai servizi a banda larga e riduce il divario digitale”, afferma, “soprattutto nei paesi emergenti dove le aree rurali sono generalmente poco servite da entrambi i dispositivi mobili e operatori di accesso fisso a banda larga. “

In India, l’ambizione di Modi è di estendere l’accesso a Internet ad alta velocità alle aree rurali dove vive più della metà della popolazione del paese.

Potrebbe fare bene a imparare alcune lezioni dall’Africa.

Originariamente pubblicato su www.bbc.co.uk.