Book Rambles: How to Fall in Love di Cecelia Ahern

Le pause estive sono per la lettura. Cioè leggere per piacere. Ho letto alcuni libri divertenti durante il mio primo anno di università, ma sai, d’estate sei libero di leggere quello che vuoi e non devi studiare un libro troppo a fondo.

Per questa estate, ho pensato di accettare una sfida di lettura a tema. Lo chiamo Il giro dell’Europa in 14 libri .

Perché l’Europa? Ebbene, ho dovuto mettere un i mit da qualche parte, e inoltre mi sto interessando sempre di più alla letteratura europea. Perché solo 14 libri? Ancora una volta, è una questione di limite. Mi sono dato un limite di tempo di 14 settimane, da qui a fine settembre, quando tornerò ai miei studi.

La scelta dei paesi era in parte una questione di interesse personale (ad esempio, i paesi nordici) e in parte una questione di fortuna, a seconda di quali libri (tradotti in inglese, ovviamente) ho trovato disponibili per primi. Spero di poter includere diversi paesi in una sfida futura. I libri scelti non sono necessariamente rappresentativi della cultura del paese, ma quando applicabile, sottolineerò tali aspetti. Oh, e non sono necessariamente letture estive, se c’è qualcosa del genere. Vado solo per gusti personali.

Quindi, una settimana, un paese, un libro, una recensione sul blog. Se sono fortunato, posso includere un consiglio extra relativo al libro recensito.

Prima destinazione? Irlanda , con How to Fall in Love di Cecelia Ahern.

Il giro dell’Europa in 14 libri – N. 1: Irlanda

Nome originale: How to Fall in Love

Autore: Cecelia Ahern

Editore: Harper Collins

Edizione: 2013

Pagine: 330

Genere: Chick lit, romance

Località: Dublino, Irlanda

La mia valutazione: 3,5 / 4 su 5 stelle

Ha solo due settimane. Due settimane per insegnargli come innamorarsi – della propria vita.

Adam Basil e Christine Rose si ritrovano insieme a tarda notte, quando Christine sta attraversando l’Ha’penny Bridge a Dublino. Adam è lì, in bilico, minacciando di saltare.

Adam è disperato, ma Christine fa un patto pazzo con lui. Il suo 35 ° compleanno si avvicina e lei lo scommette che prima di allora potrà dimostrargli che vale la pena vivere.

Contro il ticchettio dell’orologio, i due intraprendono avventure selvagge, grandi gesti romantici e alcune improbabili uscite notturne. Lentamente, Christine pensa che Adam stia iniziando a innamorarsi di nuovo della sua vita. Ma è tutto quello che sta iniziando a succedere?

Questo libro è stato un regalo di compleanno di una cara amica, scrittrice e blogger Myna Kaltschnee. Mi vergogno di non averlo letto prima, ma almeno mi ha permesso di immaginare questa sfida di lettura estiva.

Confessione: di solito non scelgo autori di bestseller come Ahern e nemmeno il cosiddetto genere chick lit (il più delle volte ignoro la narrativa di genere). Quindi, se avessi visitato una libreria, mi sarei perso totalmente questo libro. Tuttavia, non significa che non mi piaccia un libro del genere se mi piacciono l’argomento e i temi. Questo romanzo è uno di quelli.

Pertanto, è il mio primo romanzo di Ahern. Tuttavia avevo già un’idea di lei perché una volta ho visto, in tv, un film tratto dal suo primo romanzo, P.S. Ti amo , con Hilary Swank e Gerard Butler. A quel tempo, pensavo che fosse solo uno di quei film super scadenti da apprezzare quando sei stufo di fare zapping in tv. Il mio interesse era stato stuzzicato non tanto dalla storia ma dall’attore James Marsters, famoso per aver interpretato Spike nello show televisivo Buffy the Vampire Slayer e la mia più grande cotta per celebrità nell’adolescenza. Tuttavia, non era del tutto un film spensierato in quanto trattava un argomento serio e toccante come la perdita di un marito per cancro. Allo stesso modo, Come innamorarsi affronta un argomento serio: la salute mentale.

La storia inizia con la protagonista, Christine Rose, che sfata il mito secondo cui il fulmine non colpisce mai due volte. Quel proverbio è “falso” e lei è la prova vivente. Non perché sia ​​stata colpita da un fulmine, ma perché in poco tempo ha vissuto “due eventi altamente improbabili”, sconvolgendo la sua vita. Il primo è l’incontro con Simon Conway, uno sconosciuto che minaccia di uccidersi. Un’esperienza che non va molto bene e che spinge Christine verso una serie di cambiamenti di vita che la portano ad un altro sconosciuto, Adam Basil, che è sul punto di saltare da un ponte. Terrorizzata di ripetere l’esperienza con Conway, Christine promette a questo sconosciuto che lo aiuterà ad amare di nuovo la vita prima del suo compleanno, cioè tra due settimane. Sembra un bel gesto (lo è), ma ci sono due problemi: Christine non è qualificata per un lavoro così delicato e ha i suoi problemi. Ha appena abbandonato il marito e ha bisogno di trovare la propria felicità.

Ho cercato di non essere il mio solito io razionale durante la lettura, altrimenti non sarei stato in grado di godermi la storia. Per una persona sperimentare questo tipo di “due eventi altamente improbabili” all’inizio mi sembrava troppo inverosimile, ma ehi, a volte capitano delle coincidenze.

Christine è una grande fan dei libri di auto-aiuto, del tipo “how-to”. Ne ha una vasta collezione nell’ufficio della sua agenzia di reclutamento, uno per ogni stupido motivo, e fa molto affidamento su di loro quando cerca di aiutare i suoi clienti, le persone intorno a lei e se stessa. In effetti, acquista un libro nuovo di zecca per aiutare se stessa ad aiutare Adam. Tuttavia, sembra che questi libri non risolvano nulla, aumentano solo i suoi problemi. Per evidenziare inoltre la ridicolaggine di avere una fede cieca in tali libri, c’è una scena divertente – una delle mie parti preferite del libro – quando Adam sta sfogliando la sua collezione, leggendo i titoli ad alta voce e formando possibili nuovi (ed esilaranti) ‘come -a ‘titoli. Il lettore può capire come l’intero libro è costruito su questa idea quando vede tutti i titoli dei capitoli che iniziano con “Come …” (e il titolo del libro, duh). Ci sono anche riferimenti al processo di scrittura di un libro del genere, che è il sogno di Christine. Mentre andiamo avanti, il lettore può rendersi conto che la narrazione di Christine è in realtà il processo di scrittura del suo libro. Adoro questi riferimenti metaletterari!

Oltre a quel momento con Adam e i libri di autoaiuto, ci sono altri momenti divertenti. Le sorelle di Christine, Brenda e Adrienne, insieme al padre, sono probabilmente il sollievo comico più efficace. La voce narrante (quella di Christine) è colloquiale e accomodante. Mi sembrava quasi di leggere il blog personale di qualcuno. Pensavo che mi sarei stancato facilmente di una tale voce, ma non l’ho fatto.

Avevo paura che una narrazione così spensierata e il fatto che il protagonista – che non è un terapista – stia cercando di “aggiustare” una persona con pensieri suicidi significasse un trattamento scorretto del soggetto serio che è la salute mentale. Tuttavia, mentre stavo arrivando alla fine del libro, ho pensato che Ahern lo avesse gestito abbastanza bene. Il risultato finale è abbastanza ovvio se hai familiarità con questo genere (e ci sono il titolo del libro e la descrizione che lo rivelano), eppure negli ultimi capitoli ci sono state ancora alcune rivelazioni sorprendenti e momenti significativi. Al centro di questi capitoli c’è un’importante conclusione: che le persone non possono essere “fissate”, ma hanno sicuramente bisogno di comprensione e di aiuto da parte di coloro che si prendono cura di loro, affinché possano trovare la loro strada. E che va bene andare da un terapista. E butta fuori alcuni di quei libri di auto-aiuto, vero?

Per i fan delle storie d’amore e delle storie d’amore, How to Fall in Love è una raccomandazione facile. Non mi dispiacerebbe consigliarlo ad altri che non sono fan, dato che è bene provare un genere diverso, una volta ogni tanto. Può essere divertente e può sconfiggere alcune idee sbagliate personali. Per i lettori che stanno attraversando problemi, non ti farà cambiare dall’oggi al domani, ma può dare speranza. Può anche aprire gli occhi ad altri lettori che potrebbero aver bisogno di prestare attenzione ai loro cari. È ben bilanciato tra le questioni serie e la spensieratezza della personalità dei personaggi e della narrazione, senza cadere in assurdità, rendendola una lettura edificante.

Hai letto questo libro? Hai qualche raccomandazione simile? Lascia un commento su questo post o scrivimi una mail!

Originariamente pubblicato su scrabbledrambles.com il 1 ° luglio 2016.